gen
12
2011

Il cursus honorum di Silla

TESTO ORIGINALE
Nunc autem consideramus Sullae cursus honorum. Finito ex maxima parte Italico bello, consulatum obtinuerunt Q. Pompeius et L. Cornelius Sulla, vir qui neque ad finem victoriae satis laudari neque post victoriam abunde vituperari potest. Hic, natus familia nobili, a Cornelio Rufino, qui bello Pyrrhi inter celeberrimos fuerat duces, cum familiae eius claritudo intermissa esset,diu ita se gessit, ut consulatum petere non demonstrarent. Tamen deinde post praeturam, cum inlustratus esset bello Italico et antea in Gallia legatione sub Mario, ubi eminentissimos duces hostium fuderat, ex successu animum sumpsit. Nemo nostrum igitur hodie ignorat quomodo Sulla petiverit consulatum et paene omnium civium suffragiis creatus sit consul; sed honorem undequinquagesimo aetatis suae anno adsecutus est.

TESTO TRADOTTO
Ora però consideriamo quale sia stata la carriera politica di Silla. Dopo che in massima parte finì la guerra in Italia, ottennero il consolato Quinto Pompeo e Lucio Cornelio Silla, uomo che non può essere lodato abbastanza alla fine della vittoria ne esser abbondantemente vituperato dopo la vittoria. Quiesti, nato da nobile famiglia, da Cornelio Rufino, che era stato tra i più famosi condottieri nella guerra di Pirro, essendosi interrotta la fama della sua famiglia, si comportò a lungo in modo tale da non dimostrare di aspirare al consolato. Tuttavia però, dopo la pretura, essendosi messo in luce nella guerra d?Italia e prima nell?ambasceria in Gallia sotto Mario, dove aveva sconfitto i più eccellenti condottieri dei nemici, prese coraggio dal successo. Nessuno di noi dunque oggi ignora in che modo Silla abbia aspirato al consolato e sia stato eletto console con i suffragi di quasi tutti i cittadini; ma conseguì la carica a quarantanove anni.

nov
27
2010

Pagina 284 Numero 4 Frase 7 – Nova Lexis Moduli A-D

Tunc Herodes clam vocavit magos et diligenter didicit ab eis tempus stellae, quae apparuit eis, et misit illos in Bethleem dixitque:"Interrogate diligenter de puero et, cum inveneritis, renuntiate mihi, ut et ego adorem eum". Qui, cum audivissent regem, discesserunt et ecce stella, quam viderant in oriente, antecedebateos.

Traduzione:

Tunc ALLORA Herodes ERODE clam DI NASCOSTO vocavit CHIAMO’ magos I SACERDOTI et E diligenter ACCURATAMENTE didicit APPRESE ab DA eis LORO tempus LA CIRCOSTANZA stellae DELLA STELLA, quae CHE apparuit APPARVE eis LORO , et E illos LI misit MANDO’ in IN Bethleem BETLEMME dixitque E DISSE :"Interrogate DOMANDATE diligenter ACCURATAMENTE de DEL puero BAMBINO et E , cum QUANDO inveneritis LO AVRETE TROVATO , renuntiate mihi RIFERITEMI, ut PERCHE’ et ego ANCHE IO eum LO adorem ADORI". Qui, E LORO cum audivissent DOPO AVERE ASCOLTATO regem IL RE , discesserunt SE NE ANDARONO et ED ecce ECCO CHE stella LA STELLA, quam viderant AVEVANO VISTO in oriente IN ORIENTE, eos LI antecedebat PRECEDEVA

vŏco, vŏcas, vocavi, vocatum, vŏcāre
appārĕo, appāres, apparui, appārēre
disco, discis, didici, discĕre
mitto, mittis, misi, missum, mittĕre
interrŏgo, interrŏgas, interrogavi, interrogatum, interrŏgāre
rĕnuntĭo, rĕnuntĭas, renuntiavi, renuntiatum, rĕnuntĭāre
invĕnĭo, invĕnis, inveni, inventum, invĕnīre
audĭo, audis, audii, auditum, audīre
vĭdĕo, vĭdes, vidĕro, visum, vĭdēre
antĕcēdo, antĕcēdis, antecessi, antecessum, antĕcēdĕre
discēdo, discēdis, discessi, discessum, discēdĕre

nov
09
2010

Demostene e l’ombra dell’asino – Nova Lexis Moduli A-D – Pagina 382 Numero 13 – Versione Latino

Demosthenes, oratorum Graecorum disertissimus, causam agens in tribunali, quia iudices minime attentos viderat: "Paulisper – iniquit – aures mihi praebete: rem novam vobis narraturus sum". Cum aures illi adrexissent animosque intendissent, sic locutus est: "Iuvenis Athenis Megaram profecturus asinum ad iter conduxerat. In itinere, cum sol ureret adeo ut ille progredi non posset neque esset umbraculum quo tegeretur, clitellas deposuit et ad asini umbram consedit, ut eius corpore tegeretur. Agaso tamen irascitur, clamans se asinum tantum locatum esse, non eius umbram". Haec verba locutus, Demosthenes, postquam viderat iudicies diligentissime audientes, tribunali egressus est. Tum revocatus est ab iudicibus ut narrationem prosequeretur reliquamque fabulam exponeret. "Quid? – iniquit ille – De asini umbra vobis libet audire, hominis autem de vita periclitantis causam non auditis?".

Demostene, il più eloquente degli oratori greci, mentre conduceva una causa in tribunale, poiché vedeva che i giudici erano poco attenti disse: <<prestatemi un po’ di attenzione (le orecchie): sto per narrarvi una storia (cosa) nuova.>> Poiché quelli avevano drizzato le orecchie e volto gli animi, così fu detto: <<Un giovane che stava per partire da Atene per Megara aveva preso in affitto un asino per viaggio. Durante il viaggio, poiché il sole bruciava tanto da non poter avanzare, e non essendoci ombra dalla quale essere coperti, depose le bisacce e si sedette all’ombra dell’asino, per essere coperto dal suo corpo. Ma lo stalliere si adirò, poiché si lamentava di avere affittato l’asino, e non la sua ombra". Demostene dopo aver detto queste cose, vedendo gli uomini che ascoltavano assai diligentemente, uscì dal tribunale. Allora fu richiamato dai giudici per proseguire la narrazione e per raccontare il resto della storia: <<Cosa? – disse lui – vi piace ascoltare dell’ombra dell’asino, e non ascoltate la causa dell’uomo che rischia la vita?>>.

Written by cotidielegere in: Nova Lexis Moduli A-D | Tag:, , , , , ,
nov
07
2010

Come Stupire i Commensali – Nova Lexis Moduli A – D – Pagina 325 Numero 8 Versione Latino

Testo

Olim prisci romani frugalem vitam degebant parceque vivbant, at recentiores clari fuerunt ob crapulam et intemperantiam: nunc narraturi sumus celeberrimam Rufi Nasidieni coenam, quae ab Horatio poeta in "sermonibus" copiose describuntur: nam dives nasidienus, eques romanos, epulas exquisitissimas suis hospitibus paravit quae in primam lucem protractae sunt: convivator ita declaravit: "in primis aprum lucanum cum lactuca et radicibus gustaturi estis et vinum caecubum bibituri estis vel falernum. postea vobis proponentur aves, conchylia, pisces, inter quos murena cum garo de sucis piscium Hiberorum. murena, quam sumpturi estis, gravida est: post partum enim deterior carne est". Denique a pueris discerpta membra gruis apposita sunt, iecur albae anseris et leporum avulsi armi cum lumbis. iure lacilius poeta de romanis suis aequalibus scripsit: "vivite lurcones,comedones, vivite ventres".

Traduzione:

Una volta i primi romani conducevano una vita frugale e vivevano parcamente, ma quelli più recenti furono famosi per l’ubriachezza e l’intemperanza: ora narreremo la famosissima cena di Rufo Nasidieno, che è ampiamente descritta dal poeta Orazione nei "Sermoni": infatti il ricco Nasidieno, cavaliere romano, preparò per i suoi ospiti uno squisitissimo banchetto che si protrasse fino alla prima luce (dell’alba): l’offerente il banchetto dichiarò: "Prima state per gustare il cinghiale lucano con lattuga e radici e state per bere vino cecubo o falerno, poi vi saranno offerti uccelli, crostacei, pesci tra i quali la murena con salsa di pesci iberici. La murena che state per mangiare è gravida: dopo il parto infatti è peggiore di carne". Infine dai giovani schiavi furono portate parti smembrate di gru, fegato di oca bianca e spalle staccate di lepri con lombi. A ragione il poeta Iacilio scrisse dei romani suoi pari: "Vivete golosi,crapuloni,vivete ventri (per mangiare)".

Written by cotidielegere in: Nova Lexis Moduli A-D |
mag
19
2010

Marco e Livia

Versione N°19 Pagine 41-42 – Biennio – Quarta edizione

Inizio: Cotidie multo mane Marcus et Livia villam reliquunt atque ad scholam properant, uni etiam pueri puellaeque villarum finitimarum conveniunt.

Fine: Pueri beluarum virus non timent: nam apud villam beluae ferae non sunt.Horis vespertinis,cum agricolis operisque etiam Livia et Marcus ad villam reveniunt.

Ogni giorno di buon Mattino Marco e Livia lasciano la casa e vanno rapidamente verso scuola dove anche i fanciulli e le fanciulle delle case vicine si riuniscono.Là gli alunni ascoltano attentamente il maestro e leggono,imparano famose storie,le lettere dell’alfabeto, diligentemente scrivono con la penna o contano con l’abaco e i sassolini.Gli alunni lodono e apprezzano fortemente i libri dei poeti, infatti le storie e le favole nei libri sono meravigliose.Oggi d’altra parte il maestro è ammalato,c’è vacanza: Marco,allora,gioca a pallone con i compagni,Livia,d’altra parte, passeggia o legge un’allegra favola; dopo ritornano a casa insieme.Là Livia gioca con le piccole figlie delle ancelle nello spiazzo della casa o nei pressi del ruscello, Marco d’altra parte vaga con gli amici per il bosco al di là del ruscello e cerca i nidi degli usignoli o dei merli sui rami dei pioppi.I fanciulli non temono la potenza delle bestie: infatti nei pressi della casa non ci sono bestie selvaggie.Nelle ore della sera,con gli agricoltori e gli operai,anche Livia e Marco ritornano a casa.

Written by cotidielegere in: Cotidie Legere Biennio,Versioni 1 - 50 |

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes | Webhostingpad comparison, Pfandleihhaus